Jardin Majorelle

6 gennaio 2018 / Travel

SOCIAL TAGS: , , ,

L’Eden di Marrakech

La prima volta che ho visto il Giardino Majorelle in fotografia ho pensato che non potesse realmente esistere un posto così ricco di colori e di bellezza, per questo motivo non ho perso l’occasione per andare alla scoperta di uno dei giardini più belli del mondo a Marrakech, divenuto negli anni fonte d’ispirazione anche per lo stilista francese Yves Saint Laurent.

Come è nato il Giardino Majorelle?
Se oggi è possibile godere della bellezza del Giardino Majorelle di Marrakech, il merito va a Jacques Majorelle, l’artista francese che, negli anni Venti del secolo scorso, diede vita a questo paradiso terrestre con più di 300 specie di piante, creando un eden snodato tra alberi ad alto fusto, dense foreste di bambù e un giardino di cactus destinato a diventare uno dei giardini più belli al Mondo.

Il Jardin Majorelle è uno degli angoli della città che resta più impresso nella mente, le pareti che circondano il giardino e le pareti della villa costruita all’interno vennero colorate di un particolare blu, che prese poi il nome di “blue majorelle” proprio per la sua unicità.

La sua bellezza era nota a Yves Saint Laurent che decise in seguito di acquistare l’intero giardino.

Lo stilista trovava infatti nel Giardino Majorelle una fonte inesprimibile di ispirazione, tanto da sceglierlo come suo futuro luogo di sepoltura.
Nel 2008, infatti, alla sua morte le ceneri vennero disperse proprio all’interno del suo amato giardino.


Questo articolo è stato scritto da:

edoardorinaldi - @edoardo__rinaldi

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo o lascia un Commento!